Segni e sintomi di tipo un’influenza

L’influenza, o l’influenza, è una malattia respiratoria contagiosa causata da un virus aereo. I virus dell’influenza sono divisi in tre tipi: A, B e C. I virus di tipo A e B sono i più gravi e sono responsabili delle epidemie di influenza riscontrate quasi ogni inverno. I virus di tipo C in genere causano una malattia respiratoria minima e non possono causare alcun sintomo. Il vaccino antinfluenzale annuale è quello dei tipi A e B. Mentre i tipi di A e B si differenziano in origine, i sintomi sono gli stessi.

Segni e sintomi

A differenza di un freddo, l’influenza normalmente arriva all’improvviso. I sintomi possono essere moderati a gravi e tipicamente includono febbre, brividi, tosse non produttive, mal di gola, naso affumicato o soffocante, dolori muscolari e del corpo, mal di testa e affaticamento. Alcuni che hanno l’influenza possono anche provare vomito e diarrea, anche se questo è più comune nei bambini che negli adulti. Secondo i centri di controllo e prevenzione delle malattie, la febbre è comune ma non accompagna sempre l’influenza. Qualsiasi febbre e dolori del corpo di solito durano da 3 a 5 giorni, ma la tosse e la fatica possono durare fino a 2 settimane o più. Le complicanze possono essere gravi e comprendono la polmonite, la bronchite e le infezioni del seno e dell’orecchio. I bambini piccoli, gli anziani, le donne in gravidanza e quelli con sistemi immunitari compromessi sono maggiormente a rischio di complicanze.

Come si diffonde l’influenza

L’influenza è passata da persona a persona attraverso l’aria. Quando una persona infetta tosse o starnutisce, le goccioline in aria possono atterrare in bocca o naso – o anche essere inalate nei polmoni – di altri vicini. Una persona potrebbe anche essere infettata toccando una superficie che ha il virus su di esso, come una manopola della porta, e poi toccando la bocca o il naso. Gli adulti sono considerati contagiosi 1 giorno prima di mostrare sintomi e 5 a 7 giorni dopo essere stati malati. I bambini possono essere contagiosi per più di 7 giorni. I sintomi di solito appaiono entro 1 – 4 giorni dal virus che entra nel corpo. Alcune persone possono avere il virus dell’influenza e rimangono asintomatiche ma ancora passano il virus ad altri.

Trattamento

Contattare il medico se si hanno sintomi influenzali. Il trattamento si prefigge di ridurre la gravità dei sintomi e può includere farmaci per alleviare il dolore e la febbre, il resto del letto e l’abbondanza di liquidi. Il medico può anche prescrivere farmaci antivirali. Quando sono iniziati entro i primi 2 giorni, possono ridurre la durata dei sintomi.

Prevenzione

Il CDC raccomanda che tutti i 6 mesi e più vecchi ricevano il vaccino contro l’influenza annuale. Il vaccino è particolarmente importante per i gruppi ad alto rischio, inclusi i bambini piccoli, le donne in gravidanza e gli anziani. Mentre il vaccino non protegge da tutti i virus influenzali, protegge contro quelli che la ricerca indica sarà più diffusa, inclusi i virus di tipo A. Oltre a ottenere il vaccino, evitare il contatto stretto con i malati. Se sei malato dell’influenza, rimani a casa e minimizzi il contatto con gli altri fino a che non sei febbrile per almeno 24 ore. Coprire la bocca e il naso con un tessuto quando si tosse o starnutisce e dispose i tessuti correttamente. Lavare le mani spesso con sapone e acqua. Evitare di toccare gli occhi, il naso e la bocca.