Principi idrodinamici di nuoto

L’idrodinamica fluida svolge un ruolo nella performance complessiva di un nuotatore, in quanto le forze prodotte in e dall’acqua possono aumentare o diminuire la velocità del nuotatore. Formando te stesso sul comportamento dei liquidi e sui loro effetti sugli oggetti e sui quattro principi dell’idrodinamica, puoi imparare a nuotare in maniera più profonda e ottimizzare i tuoi risultati.

I nuotatori che riusciranno a padroneggiare “ascensore” capiscono che usandoli li aiuta a creare un effetto “sculling” che a sua volta produce più coppia e potenza. L’elevatore è la forza perpendicolare rispetto al braccio di lavoro ed entra in gioco nella propulsione freestyle, in cui un nuotatore effettua un movimento a braccio simile al mulino a vento per far avanzare in avanti. Le forze di scorrimento aiutano i nuotatori a risparmiare più energia che può essere utilizzata in un momento successivo.

Puoi imparare a utilizzare la galleggiabilità a tuo vantaggio per affinare i tuoi esercizi di nuoto o tecniche. Focus sul tuo “centro di galleggiamento” – individuare la regione del tuo sternum che consente il massimo equilibrio mentre si spinge attraverso l’acqua – nuotare più profettamente premendo il petto superiore nell’acqua. A sua volta, questo porta le gambe più vicine, stabilisce l’equilibrio e riduce la resistenza quando si spinge avanti. Puoi lavorare con questo concetto per migliorare il tuo stomaco, la schiena e la striscia.

Gli allenatori di nuoto sottolineano l’importanza di utilizzare l’ascensore e trascinare. Propulsione è la forza generata dalle braccia e le gambe per spingere in avanti e usa l’ascensore e trascina per massimizzare la velocità nel nuoto di freestyle. Tirare indietro con le vostre mani curve e ad angolo retto verso la direzione di tiro per massimizzare la distanza percorsa. Si dovrebbe notare un movimento spazzato mentre si spinge in avanti, poiché la propulsione utilizza la maggior resistenza di sollevamento e resistenza possibile rispetto alle posizioni della mano del nuotatore.

Mentre si spinge attraverso l’acqua utilizzando le braccia e le gambe, si utilizzerà anche gruppi muscolari più grandi come il torace, i muscoli della schiena e della schiena e le spalle per generare più coppia e potenza e ridurre in modo significativo la quantità di resistenza Da trascinare. Quando si esegue un movimento di spinta al completamento del movimento del braccio, si noterà meno restrizione dalla forza di trascinamento, consentendo di eseguire movimenti più corretti.

Potenza avanti

Centro di Buoyancy

Velocità massima

Strokes più lisci