Nausea e dolore allo stomaco dopo aver mangiato

Per molte persone, avere una sensazione familiare inquietante nella bocca del loro stomaco è un segnalino di cattive cose da seguire, soprattutto quando si verifica dopo aver mangiato. La nausea e il dolore allo stomaco a seguito di un pasto potrebbero non significare altro che il fatto di aver mangiato un po ‘di troppi pezzi di cioccolato, ma potrebbe anche indicare un disordine sanitario più grave. Scopri i fatti su questi sintomi comuni di un sistema digestivo andato male, comprese le cause comuni, i sintomi che accompagnano e quando la nausea o il dolore allo stomaco richiedono un viaggio al medico.

I fatti

La nausea e il dolore allo stomaco sono segni generali che spesso indicano che qualcosa è difettoso nel tuo sistema digestivo. Dopo aver masticato e inghiottire il cibo, viaggia al tuo stomaco, dove si mescola con succhi di stomaco prima di entrare nell’intestino tenue. Una volta nell’intestino tenue, il cibo e la bevanda si mescolano con la bile, poi finiscono per abbattere e assorbire nella parete intestinale per fornire le sostanze nutrienti necessarie per il tuo corpo. I sintomi gastrointestinali spesso si sviluppano prima nello stomaco o nell’area addominale superiore, in quanto inizia la rottura di cibo.

Le cause

La nausea e il dolore allo stomaco possono derivare da varie condizioni di salute, tra cui indigestione, avvelenamento alimentare e gastroenterite virale. Chiamata anche dispepsia o stomaco sconvolto, l’indigestione è un comune disturbo a breve termine che si verifica spesso dopo aver mangiato troppo rapidamente, overeating o consumando un sacco di alimenti grassi, piccanti o grassi. L’avvelenamento alimentare si sviluppa quando si consuma cibo o bevanda contaminati da germi, secondo Medline Plus, la maggior parte dei casi di avvelenamento alimentare si verificano a causa di cibi infetti da batteri. La gastroenterite virale causa l’infiammazione della fodera dello stomaco e dell’intestino dovuta ad un’infezione virale.

Sintomi

Nausea o malessere e dolore nella zona superiore addominale possono essere gli unici sintomi che si verificano se l’indigestione è il colpevole. Altri sintomi che possono anche sorgere con un caso di indigestione includono una sensazione di pienezza prima di mangiare veramente un sacco di pasto, una sensazione di bruciore nello stomaco e nel gonfiore. Anche se la nausea e il dolore allo stomaco possono essere i sintomi iniziali, l’avvelenamento alimentare e la gastroenterite virale continuano a produrre sintomi più gravi, come gravi crampi addominali, diarrea e vomito, nonché febbre e brividi, a seconda della gravità dell’infezione .

considerazioni

È possibile evitare molti casi di nausea e dolore allo stomaco esercitando buone abitudini alimentari e praticando un’adeguata igiene. Come regola, evitare di mangiare un sacco di alimenti grassi e piccanti, soprattutto prima di andare a letto. Limitare l’assunzione di caffeina, cioccolato, alcool e soda, soprattutto se si nota il disagio gastrointestinale mostrando poco dopo aver consumato una di queste sostanze. Quando si tratta di una corretta igiene, il lavaggio è una misura di prevenzione chiave quando si tratta di malattie gastriche contagiose. Lavare bene gli alimenti durante la preparazione del pasto e disinfettare sempre le superfici di lavoro, soprattutto se si sta preparando prodotti a base di carne. Il lavaggio frequente e accurato può anche aiutare a ridurre al minimo le tue possibilità di sviluppare o trasmettere gravi malattie gastrointestinali.

avvertimento

La nausea e il dolore allo stomaco che portano alla diarrea o al vomito potrebbero causare grave disidratazione, soprattutto nei neonati, nei bambini piccoli e negli anziani. Evitare questa condizione potenzialmente grave, controllando l’assunzione di liquidi. Bastone con liquidi elettrolitici per sostituire meglio il sale e i minerali che lasciano il tuo corpo, raccomanda Medline Plus. Parlare con il medico se ha una grave nausea e dolore allo stomaco che gradualmente peggiora o non va via dopo 24 ore, in quanto potrebbe indicare una condizione di salute più grave, come i calcoli biliari o il cancro allo stomaco.