Iodio ei tuoi reni

Lo iodio è un minerale essenziale trovato in frutti di mare, sale iodato e qualche frutta e verdura. L’iodio in eccesso viene normalmente rimosso dal tuo corpo dai reni. Tuttavia, se i reni sono malsani, iodio può accumularsi nel tuo corpo, causando tossicità dello iodio. Le persone con malattie renali dovrebbero evitare di mangiare una dieta ad alta percentuale di iodio.

Iodio

La funzione primaria dello iodio nel tuo corpo è la produzione di ormoni tiroidei. Questi ormoni sono essenziali per regolamentare l’uso dell’energia e il metabolismo, in particolare l’uso dei negozi energetici del corpo, compreso il grasso corporeo. La carenza di iodio negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati è rara, perché iodio viene aggiunto al sale da tavola. Secondo il Linus Pauling Institute Micronutrient Information Center, l’assunzione giornaliera raccomandata di iodio per adulti è di 150 microgrammi.

Funzione renale

I reni filtrano i rifiuti, inclusi i minerali in eccesso come iodio, dal sangue, per produrre urina. Hai due reni che si siedono contro la schiena, proprio sotto la tua gabbia. Mentre i reni diventano malsani, diventano meno capaci di filtrare i rifiuti dal sangue. Il diabete, l’alta pressione sanguigna, veleni, traumi e altre malattie possono causare il ristagno alla funzionalità a piena capacità. Segni di malattie renali includono urinazione frequente, stanchezza, perdita di appetito, gonfiore nelle mani e nei piedi, crampi muscolari, pelle scura e prurito o sensazioni intorpidite.

Tossicità di iodio

Secondo l’Università di Maryland Medical Center, l’assunzione di iodio di più di 2.000 microgrammi al giorno può essere tossica, soprattutto nei pazienti con malattie renali. Nel tempo, anche una minore quantità di iodio può portare alla tossicità dello iodio quando i reni sono malsani. Secondo l’istituto di Linus Pauling, i sintomi della tossicità dello iodio includono bruciore nella bocca, nella gola e nello stomaco oltre alla febbre, nausea, vomito, diarrea, irregolarità del cuore e coma.

Evitare l’eccesso di iodio

Dal momento che la fonte primaria dietetica di iodio è sale da tavola, evitare di mangiare sale in eccesso con la malattia del rene. Alimenti provenienti dall’oceano, compresi i pesci d’acqua salata, i molluschi e soprattutto le verdure marine come alghe o alghe, sono elevati di iodio e devono essere limitati nella dieta di quelli con malattie renali. Iodio può essere aggiunto a pane o cereali, anche se i livelli sono normalmente bassi. Frutta e verdura possono anche contenere iodio, anche se la concentrazione varia notevolmente con la qualità del suolo. Cibi crudi come verdure di soia e cruciferi come cavolo e broccoli contengono sostanze chimiche chiamate goitrogens che possono impedire l’intestino di assorbire iodio.