È buon carboidrati di broccoli?

Dal momento in cui avevi 10 anni, probabilmente avete pensato che il broccolo sia “buono” per te, anche se non ti piaceva mangiare. Le campagne di marketing di dieta aggressiva, in particolare tra i proponenti di diete a basso o nessuno di carboidrati, hanno messo in discussione i vantaggi di salute e di perdita di peso di molti alimenti tradizionali come il broccolo. La discussione su ciò che un “bene” è il carboidrato e che cosa è un “cattivo” carboidrato potrebbe aver lasciato confuso, specialmente se sei un dietista di rookie.

Nonostante la piccola minoranza dei sostenitori anti-carboidrati, praticamente nessuno suggerisce che il broccolo sia una “cattiva” fonte di carboidrati. I carboidrati molto peggiori sono zuccheri semplici che hanno poco o nessun contenuto nutrizionale. Un esempio di questo è la soda. Il broccolo è principalmente carboidrati complessi e fibre alimentari. Il broccolo ha anche un significativo contenuto nutrizionale. Per questo motivo, il dottor Jonny Bowden, Ph.D. E specialista nutrizionale clinico, nel suo libro “I 150 alimenti più saldi sulla Terra” elenca i broccoli tra i migliori alimenti che si possono mangiare. Il broccolo è ricco di isotiocianati, potenti fitochimici che combattono il cancro neutralizzando gli agenti cancerogeni. Una singola tazza di broccolo contiene 288 mg di potassio, 43 mg di calcio, 81 mg di vitamina C, vitamina A, folati, magnesio, fosforo, beta-carotene e luteina, che aiuta a proteggere gli occhi.

Anche se la maggior parte sa che il broccolo è caricato di nutrienti salutari, la confusione sul fatto che il broccolo sia un “bene” o “cattivo” carboidrato si pone oltre il suo effetto sui livelli di zucchero e insulina. Gli alimenti che vengono considerati carboidrati “cattivi” aumentano rapidamente e significativamente i livelli di zucchero nel sangue e nell’insulina, causando lo stoccaggio di grassi. Questi alimenti hanno solitamente elevati quantità di carboidrati raffinati o trasformati. Il broccolo fresco non ha carboidrati raffinati o trasformati. L’indice glicemico è una scala che misura quanto velocemente un alimento o una bevanda aumenterà il tuo zucchero nel sangue e viene comunemente utilizzato per separare i carboidrati “buoni” e “cattivi”. Il broccolo ha un punteggio molto basso sull’indice glycemic, il che indica che non avrà un effetto significativo sul vostro zucchero nel sangue.

Bowden spiega che anche se l’indice glicemico è uno strumento utile per separare carboidrati buoni e cattivi, il carico glicemico è un riferimento migliore. Il carico glicemico tiene conto dell’indice glycemic e quanti carboidrati sono in una porzione del cibo. Alcuni alimenti quali le carote hanno un alto indice di glicemia, ma non aumentano significativamente il loro zucchero nel sangue perché non contengono molti carboidrati per servire. Il carico glicemico più accuratamente valuta se un alimento è un “buono” o “cattivo” carboidrato. Gli alimenti con un basso carico glicemico sono considerati carboidrati “buoni” che non aumentano i livelli di zucchero nel sangue. Il broccolo crudo ha un carico glicemico di circa 0 su 40.

Bowden suggerisce di acquistare broccoli biologici se il tuo negozio di alimentari lo vende. Spiega che nel 2003 il gruppo di lavoro ambientale, un’organizzazione di protezione del consumatore e di ricerca senza scopo di lucro, ha elencato broccoli tra 12 alimenti più probabili per essere contaminati da pesticidi che potrebbero danneggiare la vostra salute. Il broccolo biologico non viene trattato con questi prodotti chimici tossici: con i vantaggi nutrizionali, con un basso indice glicemico e con un basso carico glicemico, si può stare certi che il broccolo è un carboidrato sano e buono che non ostacola assolutamente i vostri obiettivi di salute e fitness.

Powerhouse nutrizionale

Indice basso glicemico

Carico basso glicemico

Acquista organici