Problemi di dormire con le lenti a contatto

Alla fine succede a quasi tutti i portatori di lenti a contatto: ti addormenti mentre indossi ancora i tuoi contatti. Con circa il 10 per cento degli americani che indossano regolarmente le lenti a contatto, secondo l’American Academy of Ophthalmology, le preoccupazioni circa il sonno con le lenti a contatto sono comuni. Il potenziale dei problemi dipende dal tipo di lenti che indossi, dal modo in cui ti interessa e la tua salute generale dell’occhio.

Problemi potenziali corneali

Quando si addormenta a indossare i contatti, la palpebra è chiusa sul contatto che copre la cornea. L’ossigeno normalmente diffonde nelle cellule corneali direttamente dall’aria. Ma con un occhio chiuso, la cornea ha meno esposizione all’ossigeno. Inoltre, il nutrimento e la protezione dai germi provengono dalle lacrime naturali dell’occhio. Un occhio chiuso con un contatto in posizione impedisce il flusso di lacrima fresco alle cellule corneali. La mancanza di ossigeno e lacrime possono portare a problemi a breve termine che vanno dal sentire come qualcosa è nell’occhio, visione offuscata, occhi rossi, bruciore, prurito o cornea graffiata. I problemi più gravi che possono svilupparsi nel corso del tempo includono la crescita anormale dei vasi sanguigni nella cornea, congiuntivite papillare gigante, o urti sulla parte inferiore dei coperchi causando scariche di muco e irritazione. L’infezione corneale, che può portare a cicatrici e cattive visioni, è un altro risultato possibile.

Più ossigeno, meno stress

Nella ricerca di una migliore permeabilità dell’ossigeno, la più grande scoperta nel materiale delle lenti a contatto è venuto con l’introduzione di lenti morbide silicone idrogel. Il silicone ha un’elevata permeabilità per l’ossigeno e consente 6-7 volte più passaggio di ossigeno rispetto alle lenti standard idrogel. Per questo motivo, le lenti idrogeliche in silicone sono approvate per un’usura prolungata. Più flusso di ossigeno alla cornea significa meno stress alle cellule corneali e minore probabilità di problemi corneali.

Attenzione Biofilm Buildup

Cambiare spesso una coppia di lenti a contatto, come indicato sull’inserto del pacchetto e mantenere pulita la coppia corrente con una soluzione multifunzione, è importante per ridurre il biofilm di un obiettivo – lo strato di batteri e detriti che si adattano alla superficie del contatto E deve essere rimosso per ridurre il rischio di infezione da cornea. Cambiare regolarmente le lenti contribuisce anche a ridurre l’accumulo di biofilm. Tuttavia, le persone che dormono nei loro contatti – anche le lenti a lunga usura – hanno un rischio maggiore di infezione da cornea a causa del biofilm.

Le lacrime aumentano la tolleranza

Le persone con condizioni di occhio che influenzano la normale pellicola di lacrima, come la sindrome dell’occhio secco o la blefarite, sono predisposti a problemi legati all’usura del contatto. Queste includono la costante sensazione della lente a contatto sull’occhio, difficoltà di inserimento e rimozione del contatto, dell’occhio rosso e forse del dolore. Tali sintomi portano a una tollerabilità delle lenti a contatto ridotte nel tempo. Indossare contatti durante il sonno aumenta la probabilità di problemi che si verificano nelle persone con occhio secco o blefarite. Pertanto, eventuali condizioni di occhio sottostanti dovrebbero essere trattate prima dell’uso del contatto. Ciò comporta visite regolari con un professionista dell’occhio per valutare la salute degli occhi e la idoneità all’usura del contatto. Può anche coinvolgere l’uso regolare di lacrime artificiali lubrificanti.

Rimedi naturali per i dolori crescenti nei bambini

I dolori crescenti, che producono disagio nelle estremità inferiori, influenzano circa il 20-40 per cento di tutti i bambini, secondo il sito di KidsHealth. La causa più probabile della condizione è il disagio dello stile di vita attivo del bambino, non la crescita effettiva delle sue ossa. Le età da 3 a 5 e da 8 a 12 sono le probabilità di essere colpite. Parlare con il pediatra per escludere un infortunio se il dolore e il disagio del bambino persistono.

Stringere i muscoli nel corpo inferiore del bambino. Il bambino può fare lunghezze, aumenta la gamba e tocca tocchi per allungare i muscoli e alleviare il disagio dai dolori crescenti. Dovrebbe allungarsi di notte, dal momento che i dolori crescenti sono più probabili durante le ore serali.

Massaggiare l’area interessata. Gently strofinare le gambe per alleviare il disagio naturalmente. Applicare piccole quantità di pressione e chiedere al bambino di dirigersi verso i siti del dolore. Secondo la Fondazione Medica Palo Alto, le cosce ei vitelli di una o di entrambe le gambe sono i più probabili.

Usa calore lieve sulle gambe per fermare il dolore. Mettere una bottiglia di acqua calda o un tappetino riscaldante sulle gambe del bambino. Applicare calore per intervalli da 10 a 15 minuti per rilassare i muscoli e ridurre l’infiammazione. I dolori crescenti in genere non durano più di 15 minuti.

Limitare l’attività del bambino il giorno successivo. I dolori crescenti spesso colpiscono dopo un periodo particolarmente attivo. Se i sintomi persistono il giorno successivo, mantenere la sua luce di programma.

Intorpidimento in piedi e vitelli durante l’esecuzione

Se sei nuovo a correre, hai abbattuto il tuo chilometraggio o l’intensità di esercizio, le superfici modificate o il treno in scarpe che hanno perso la loro ammortizzazione, le pene e dolori delle gambe sono quasi inevitabili. Ma l’indolenzimento e l’infortunio non sono le uniche cose che possono contenere la tua corsa indietro. Numbness nella gamba inferiore è comune nei corridori e può segnalare un problema di scarpa o un disturbo neurologico o vascolare sottostante.

Claudication intermittente

La claudicazione intermittente è una manifestazione della malattia periferica, comunemente abbreviata PAD. Il termine si riferisce a dolore e intorpidimento con attività come camminare o correre, di solito nel vitello. È il risultato più frequente delle arterie restringenti o intasate a causa di aterosclerosi o depositi di grasso all’interno delle arterie. La maggior parte delle persone non ha sintomi quando è a riposo, e quando smettono di camminare o correre, il fastidio scompare rapidamente. Se si dispone di PAD, il medico può prescrivere un certo numero di farmaci che mirano sia a alleviare i sintomi che eliminare la causa sottostante.

Sindrome da Tarsal Tunnel

La sindrome del tunnel tarsico è anatomicamente analoga a, anche se non conosciuta come, sindrome del tunnel carpale del polso. Numbness in questo caso è di solito limitato al fondo del tallone. Questa malattia è causata da qualcosa – una cista, una ossa ossea o qualche altra lesione – che impingono sul nervo posteriore tibiale. I problemi biomeccanici come la sovrapronazione possono anche predisporre i corridori alla sindrome del tunnel tarsale. Il trattamento prevede una combinazione di inserti di scarpe ortotiche, una pausa da corsa, scatti corticosteroidi e, se indicato, un intervento chirurgico per rimuovere la struttura offensiva.

Neuroma di Morton

Un neuroma è un allargamento patologico del tessuto che circonda un neurone. Questo accade spesso nel nervo che innerva le dita del terzo e quarto e corre lungo la scanalatura tra di loro, il grumo risultante è chiamato neuroma di Morton. I sovrasonitori o le persone con dita aberrantiali – ad esempio “dita dei martelli” – sono a maggior rischio di sviluppare un neuroma di Morton, che provoca dolore e intorpidimento nel terzo e quarto dito e, nella maggior parte dei casi, la palla del piede. L’energia a ultrasuoni spesso allevia il problema, e le pastiglie metastarsiche o ortotici possono aiutare a prevenire una recidiva.

Scarpe strette o scarpe

Le scarpe da corsa troppo strette o indossare scarpe troppo piccole o non adattate alla forma unica del piede o dei piedi – sia situazioni molto comuni – possono portare a intorpidimento, screpolature e dolori. Più spesso, l’intorpidimento di questo tipo si pone e peggiora durante una corsa e spesso colpisce la parte superiore del piede. Le labbra tirate in tensione o in un modello sfavorevole comprimono il ramo del nervo peroneico che fornisce questa zona. Per risolvere questo problema, è possibile spostarsi verso l’alto di una metà di una scarpa, provare un diverso pattern di tiranti o, se si utilizzano ortotici, rimuoverli o riposizionarli.

Esercizi di palestra di kettlebell

Se stai cercando un modo per scuotere il tuo regime di allenamento e aumentare l’intensità in palestra, non guardare oltre i kettlebell. L’addestramento con i kettlebell è un modo efficace per aumentare la tua forza e potenza e lavorare tutto il corpo con pochi esercizi. Potrai bruciare anche un elevato numero di calorie. Secondo il Consiglio Americano sull’esercitazione, la formazione del kettlebell brucia fino a 20 calorie al minuto e migliora la forza del nucleo, la capacità aerobica e l’equilibrio.

Snatch e Grab

Lo strappo è un esercizio difficile da padroneggiare, ma i vantaggi che offrono valgono il tempo necessario per imparare la mossa. Inizia con l’alto tiro. Tieni la campana in una mano e lo ribaltate attraverso le gambe, quindi guidate i fianchi mentre tira la campana fino all’altezza della testa. Tenerlo vicino al tuo corpo, tirare la spalla in cima alla mossa e renderlo esplosivo. Per far girare l’alto tirare in una trappola, tenere semplicemente il tiro alto sopra la tua testa fino a quando il braccio è dritto e prenderlo con la spalla, il gomito e il polso esteso. (Rif 3) È possibile fare snatch con uno o due kettlebell alla volta.

Bastone a squat

Gli squat possono sembrare un semplice esercizio in primo luogo, ma accovacciarsi con i kettlebells è impegnativo e versatile. Lo squat calice è la tua prima tappa, eseguita tenendo il kettlebell all’altezza del petto e accovacciandosi al minimo possibile. Altre varianti includono bracci a braccio singolo o braccio a doppio braccio, con squatte di sovraccarico. Mantenere un kettlebell in una mano nella posizione superiore della strappa, stand con un piede di fronte all’altro e squat giù. L’allenatore Andy Haley della Stack Magazine raccomanda inoltre di premere il doppio squat, dove si tiene un kettlebell su entrambe le spalle, squat giù e premere le campane quando si torna in una posizione in piedi.

Sempre sulla parte superiore

Per il tuo corpo superiore, tenga semplice – presse e righe. È possibile utilizzare i kettlebell come si farebbero dumbbells per le prese a spalla, le prese di pavimento – come prese con panchine a dumbbell ma eseguite giacevano sul pavimento – o come maniglie pushup improvvisati. Per le righe, passare a un kettlebell come un sostituto per le righe del dumbbell a un braccio o optare per le righe rinnegate. Posizionare la larghezza della spalla sulla parte del pavimento e adottare una posizione di spinta con una mano su ciascuna campana, quindi eseguire delle righe alternative fino al midsection. Mantenere le campane direttamente sotto le spalle, tenere il nucleo stretto e spremere le glutei, consiglia l’addestratore di kettlebell Marianne Kane.

L’allenamento di palestra ultima

Un enorme vantaggio di kettlebells è la loro versatilità. Puoi usarli come unica attrezzatura di allenamento o mescolarli con altri metodi di allenamento in palestra. Per una sola routine di kettlebell, completare un circuito composto da tiranti elevati, strappi, una variazione squat, una pressa e una riga da 10 a 15 ripetizioni ciascuna con riposo minimo tra di loro. In alternativa, provate a mescolare i kettlebell con un peso più tradizionale o una formazione cardio. Prova un tapis roulant da 60 secondi o uno sprint di bici seguito da 60 secondi di squat calice, o un circuito di spingi, squat di barbell e strappi di kettlebell per esempio.

È tè verde anti-infiammatorio?

Il tè verde è stato consumato per migliaia di anni, e negli ultimi decenni la scienza ha scoperto un certo numero di usi medicinali per questa erba popolare. Il tè verde ha potenti proprietà anti-infiammatorie a causa degli antiossidanti che possiede. È stato ricercato per il suo ruolo nel trattamento delle malattie causate da infiammazioni, tra cui l’aterosclerosi, la malattia epatica, la malattia infiammatoria intestinale e una varietà di tumori.

Una conferenza di ricerca sulla prevenzione del cancro del 2012 ha dimostrato che gli uomini con cancro alla prostata che hanno consumato tè verde prima di sottoporsi a interventi di rimozione della prostata hanno ridotto i marcatori di infiammazione, osserva il National Cancer Institute. Il NCI rileva inoltre che recenti ricerche hanno rivelato che gli uomini con uno specifico precursore al cancro della prostata erano in grado di ridurre il loro rischio consumando tè verde. Il Centro Medico dell’Università di Maryland osserva che il tè verde ha mostrato almeno una certa efficacia nel trattamento di una varietà di altri tumori, tra cui la prostata, lo stomaco, la pelle, il pancreas, l’ovario, il seno, il polmone, l’esofageo e il colon-retto.

Una delle sostanze anti-cancerogene più potenti del tè verde è un polifenolo noto come epigallocatechin gallate, o EGCG. Questa sostanza può essere efficace nel liberare il corpo delle cellule tumorali, se utilizzato in combinazione con la chemioterapia o la radiazione. Uno studio pubblicato su “Laser in Chirurgia e Medicina” nel 2011 ha rilevato che le proprietà anti-infiammatorie dell’EGCG hanno aumentato la morte delle cellule tumorali nelle cellule del cancro al seno.

L’aterosclerosi è una malattia infiammatoria che può portare a ictus e malattie cardiache. Uno studio pubblicato in “Revisione annuale della patologia” nel 2006 rileva che marcatori infiammatori sono utilizzati per monitorare la progressione dell’aterosclerosi e che le terapie anti-infiammatorie possono essere utilizzate in modo efficace per combattere la malattia. Il tè verde può aiutare a prevenire l’aterosclerosi e la malattia coronarica attraverso le sue proprietà antiossidanti, che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi. L’Università del Maryland Medical Center osserva che bere 3 tazze di tè verde al giorno può diminuire il rischio di infarto – una malattia causata da aterosclerosi – dell’11%.

Uno studio pubblicato nel 2011 in “Epidemiologia del cancro” ha registrato gli effetti del consumo di tè verde, per quanto riguarda l’infiammazione, in individui cinesi colpiti da carcinoma epatocellulare o HCC – la forma più comune di cancro al fegato. Lo studio ha scoperto che coloro che hanno bevuto tè verde per più di 30 anni erano al rischio più basso per HCC, rispetto a quelli che non bevevano tè verde. Lo studio ha concluso che il tè verde potrebbe svolgere un ruolo nella prevenzione dell’HCC, in particolare nei soggetti con fattori di rischio più elevati, come il consumo di alcol, il fumo o l’epatite.

Secondo uno studio pubblicato nel 2007, i polifenoli nel tè verde contengono agenti anti-infiammatori e antiossidanti che possono fornire una protezione cardiovascolare. Lo studio osserva che EGCG è il componente più potente e attivo del tè verde e può proteggere dai danni cellulari fermando i radicali liberi a rubare gli elettroni dai tessuti grassi e bloccando la sovrapproduzione di sostanze pro-infiammatorie.

Cancro alla prostata

Cancro al seno

Aterosclerosi

Malattia del fegato

Protezione Cuore

È possibile sbarazzarsi di acne durante la notte naturalmente?

Per molte persone, i trattamenti acne commerciali contenenti perossido di benzoile sono semplicemente troppo duri, in quanto questi possono portare ad arrossamento, secchezza e irritazione. Gli ingredienti naturali spesso contengono versioni puro, non chimiche degli stessi agenti antibatterici e combattenti contro l’arrossamento. La prossima volta che si vede un formaggio di funghi, raggiungere per le fragole, non la crema zit crema della droga.

Lavare il viso con un detergente delicato senza sapone. Molti detergenti chimici sono troppo duri, strippando la pelle del suo olio naturale. Il famoso guru di pelle Mario Badescu lo cita come uno dei più grandi errori di lotta contro l’acne, poiché la sovra-pulizia è più probabile che inviare le ghiandole petrolifere in overdrive che per combattere l’acne ;. In termini di prodotti specifici, il sito web dell’Università del Mississippi Health Care raccomanda Colomba, Cetaphil, Neutrogena, Obiettivo o Olio di Olay Washing Face Foaming

Crea una maschera facciale fatta in casa con ingredienti che mirano a brufoli. Janice Cox, autore di “Natural Beauty at Home”, suggerisce la fusione di 1/2 tazza di fragole, 1 albume d’uovo e 2 cucchiaini. miele. Questa combinazione è ideale per combattere l’acne, scrive, perché le fragole contengono acido salicilico naturale, un ingrediente essiccante che soppira l’olio in eccesso, e il miele è un combattente naturale di batteri: mescolare gli ingredienti insieme e lisciare la pasta sul viso. Lasciare asciugare per circa 20 minuti e poi sciacquare con acqua fredda.

Usa l’aspirina come un trattamento a punti per zap your zit poco prima di andare a letto. Secondo Julie Gabriel, autore di “The Green Beauty Guide”, l’aspirina è un potente combattente per l’acne. Si tratta di una forma concentrata di acido salicilico che tratta l’infiammazione e il gonfiore, scrive, stabilizzando i vasi sanguigni della tua pelle per impedire la diffusione dei batteri dell’acne. Gabriel consiglia di mettere a metà una compressa aspirina non rivestita, bagnando il lato tagliato e fissandone il lato alla zit Con un bendaggio adesivo. Lasciarlo per circa 30 minuti.

Resiste l’impulso a pop la tua zit. Badescu avverte che le unghie sporche e la cattiva tecnica possono diffondere i batteri dell’acne, provocando futuri zitti e persino danni permanenti alla pelle da cicatrici.

Ripetere i passaggi 1 e 3 quando si sveglia la mattina.

Lista di alimenti a basso contenuto di zuccheri ad alta fibra

La fibra è una componente importante di un piano nutrizionale sano. L’Istituto di Medicina raccomanda l’assunzione di fibre giornaliere di 25 grammi per le donne e 38 grammi per gli uomini attraverso l’età di 50 anni. Dopo l’età 50, l’assunzione giornaliera di fibre giornaliere è 21 grammi per le donne e 30 grammi per gli uomini. Compresi i cibi a basso contenuto di zucchero nel tuo piano nutrizionale, può aiutare a soddisfare i requisiti di assunzione giornaliera di fibre senza aggiungere calorie e carboidrati in eccesso.

I carciofi sono un’ottima scelta per aggiungere fibre alla vostra dieta senza zucchero indesiderato. Una tazza di cuori di carciofi al globo cotto vi offre 14,4 grammi di fibra alimentare e meno di 2 grammi di zucchero. Se non hai mangiato carciofi in passato, provate con vinaigrette dressing, succo di limone o salsa a basso contenuto calorico. I cuori di carciofo aggiungono anche un interessante gusto culinario a insalate e piatti a base di verdure.

I verdi sono un alimento aromatizzato, a basso contenuto di zucchero e ad alta fibra. Una tazza di 1 cucchiaio di verdure di barbabietole contiene 4,2 grammi di fibra e meno di 1 grammo di zucchero. I verdi di Collard contengono 3,6 grammi di fibre alimentari e circa 0,5 grammi di zucchero per 1 bicchiere di servizio. Un servizio comparabile di verdure di dente di leone contiene 3,0 grammi di fibre e 0,5 grammi di zucchero. È possibile preparare i verdi come un piatto o aggiungere verdure tritate a insalate, zuppe o stufati.

Le noci sono una buona fonte di fibre e proteine ​​alimentari. Molte varietà sono anche basse di zucchero. Una tazza di noci tritate fornisce 8,0 grammi di fibre e circa 3,1 grammi di zucchero. Filberts, noto anche come nocciole, contengono 11,2 grammi di fibre e 5,0 grammi di zucchero per tazza. Le mandorle non torbide e non sfumate contengono 11,6 grammi di fibre e 3,7 grammi di zucchero per tazza. Provate a includere alcuni di questi noccioline a basso contenuto di zucchero come snack o spargli su insalate, cereali o piatti di verdure per un cambiamento di ritmo.

I semi commestibili sono gustosi alimenti ad alto contenuto di fibre, a basso contenuto di zucchero e una buona fonte di proteine ​​alimentari. I semi di girasole arrostiti offrono 14,3 grammi di fibre e circa 4,2 grammi di zucchero per tazza. I semi di zucca arrostiti, conosciuti anche come pepitas, contengono 14,8 grammi di fibre e meno di 3 grammi di zucchero per coppa. I semi di girasole e zucca fanno buoni spuntini e aggiungono un tocco di sapori alle insalate e agli altri piatti.

Il pane nero, realizzato con farina di grana grossa, è una scelta eccellente se stai cercando un’opzione per pane a basso contenuto di zucchero ad alto contenuto di fibre. Una grande fetta di pane nero comprende 2,1 grammi di fibra alimentare e meno di 0,2 grammi di zucchero, rispetto ad una fetta di pane bianco contenente 1,0 grammi di fibra e 2,2 grammi di zucchero.

carciofi

verdura

Noccioline

semi

Pane Nero

Giapponese vs tè verde cinese

Il tè verde è un tipo di tè tradizionale che è goduto dai consumatori di tutto il mondo ed è stato coltivato in India e in Cina, secondo l’Università di Maryland Medical Center. Le variazioni di tè verde forniscono gli stessi benefici per la salute, tranne che con diversi livelli di intensità, osserva il sito web di Health to a Tea, una società che promette di bere tè verde per i suoi benefici per la salute e vende anche il tè. I vantaggi simili sono dovuti alle differenze nelle quali i fogli di tè vengono trattati. Il tè verde giapponese contiene circa 60 per cento di antiossidanti rispetto al 12 al 16 per cento per il tè verde cinese.

Tè verde giapponese o cinese

Entrambi i tè verdi giapponesi e cinesi provengono dalle foglie dello stesso impianto di tè, Camellia Sinensis. Tè verde giapponese, noto anche come matcha, è disponibile in forma polvere. Secondo Sebastian Beckwith, cofondatore di In Pursuit of Tea e collaboratore del sito web del Dr. Andrew Weil, matcha conserva il suo ricco colore verde perché le foglie sono coperte di stuoie prima di essere raccolte a maggio e leggermente a vapore per prevenire la fermentazione. Questo processo inibisce le foglie dalla ricezione di sostanze nutritive vitali e, di conseguenza, viene prodotta più clorofilla. Una volta raccolti, entrambe le foglie di tè cinesi e giapponesi vengono essiccate. Matcha viene prodotto polverizzando le foglie di tè secche in forma di polvere mentre il tè verde cinese può essere modellato in una palla, torcente o piantata. Mentre sia il tè verde cinese che quello giapponese forniscono simili benefici per la salute, uno studio pubblicato nell’edizione di settembre del 2003 di “Journal of Chromatography” riferisce che il valore EGCG della matcha è 137 volte superiore a quello del Green Tea Green Tips. Si ipotizza che, dato che il matcha è stato polverizzato in polvere, i bevitori di tè consumano più delle foglie di tè effettivamente piuttosto che l’estratto di acqua del tè verde cinese tradizionale. Tuttavia, è necessaria una ricerca supplementare per validare queste affermazioni e per differenziare ulteriormente il tè verde giapponese dal tè verde cinese.

antiossidanti

L’Università del Maryland Medical Center afferma che il tè verde è ricco di potenti antiossidanti, altrimenti conosciuti come polifenoli, che neutralizzano i radicali liberi. I radicali liberi, secondo la Rice University, potrebbero danneggiare componenti cellulari vitali, come la sintesi del DNA, e provocano un invecchiamento accelerato o un tumore. Gli antiossidanti possono anche aiutare a inibire l’assorbimento del colesterolo nel tratto intestinale e contribuire all’escrezione del colesterolo. UMMC nota inoltre che i polifenoli sono classificati come catechine e il tè verde contiene sei composti catechin, tra cui il composto più comunemente studiato, epigallocatechin gallato o ECGC.

Perdita di peso

Secondo gli scrittori del sito web il Centro Hoffman, centro di medicina complementare a New York City, il composto EGCG nel tè verde può aiutare a stabilire un equilibrio sano di glucosio nel sangue. In assenza di fluttuazioni del glucosio nel sangue, il corpo può provare meno cravings, che può portare a perdita di peso. Inoltre, l’edizione del dicembre del 1999 di “The American Journal of Clinical Nutrition” ha pubblicato uno studio in cui i consumatori di tè verde hanno mostrato una maggiore percentuale di termogenesi. La termogenesi descrive il processo attraverso il quale il corpo metabolizza il grasso per mantenere o aumentare la temperatura del corpo. Secondo lo studio, le spese energetiche derivanti dall’ossidazione del grasso sono aumentate dal 31 al 41%. I ricercatori riconoscono l’EGCG altamente potente per la maggiore velocità di termogenesi. Non è chiaro se lo studio si riferisse al tè verde giapponese o cinese, o entrambi.

Benefici addizionali

I polifenoli presenti nel tè verde possono anche contribuire ad alleviare i sintomi dell’infiammazione e promuovere un sano cuore e sistema cardiovascolare. UMMC riferisce che il tè verde può lenire l’infiammazione del tratto gastrointestinale, come quello causato dalla malattia di Crohn e dalla colite ulcerosa, impedire l’aterosclerosi abbassando i livelli di colesterolo e trigliceride e proteggere il fegato dagli effetti dannosi di sostanze tossiche, come l’alcool. UMMC non si riferisce specificamente al tè verde giapponese o cinese.

I benefici del tè di ortica e gli avvertimenti

Sei mai stato picchiato da un’ortica? È difficile dimenticare quella sensazione di bruciore, il dolore e la bruciatura da orticaria e vesciche. Le ortiche fitte si trovano in tutto il mondo e fioriscono ogni anno. E ‘quasi impossibile allontanarsi dalla pianta invasiva.

Che cosa è il tè di nettle?

In uno di quei turbamenti strano ma vero della natura, si scopre che l’impianto che può causare tanto danno potrebbe essere la sola soluzione per trattare i tuoi problemi. L’ortica, nome latino, Urtica dioica, è stata usata in medicina da almeno 3 anni di vita. In epoca medievale, è stato usato per trattare il dolore nelle articolazioni, così come agire come diuretico. Oggi, la radice di ortica viene utilizzata per trattare i problemi urinari associati a una prostata allargata (iperplasia prostatica benigna), infezioni del tratto urinario e febbre da fieno. La foglia di nettle, nel frattempo, è comunemente usato per trattare il dolore, l’osteoartrite, le allergie e la febbre da fieno. Le foglie e gli steli possono essere mangiati in un’insalata, cucinati in zuppa o fatti in un tè, ma la radice di ortica è più probabile estrarre con alcool per fare una tintura, essiccata e presa in capsule o seccata e fatta in un tè . La pianta ha pochi effetti collaterali noti, ma come per qualsiasi preparazione medicinale, si consiglia di consultare un medico curante prima di aggiungere nettoli alla vostra dieta o piano di trattamento.

Benefici del tè del nettle

Il tè di nettle colpisce direttamente i reni. “La nettle è un diuretico [aumenta l’emissione di urina e la rimozione dell’acido urico (sotto controllo medico), quindi può essere utile per l’edema, l’artrite infiammatoria o la gotta”, afferma Naturopath Dr. Robert Kachko, ND, LAc. Gli studi dimostrano che combinando ortica con la palmetto di sega, i pazienti possono trovare sollievo dai problemi urinari. Oltre ad influenzare i reni, “l’ortica ha molti costituenti ed è considerata una delle nostre erbe più nutritive, lo chiamiamo” trophorestorative “per questo motivo”, dice il dottor Kachko. “I suoi principali componenti sono flavonoidi (quercetina, kaempferolo), carotenoidi, vitamina C, vitamina B, vitamina K1, triterpeni, steroli e minerali”. Dieci grammi di ortica contiene 290 milligrammi di calcio e 86 milligrammi di magnesio. In confronto, 10 grammi di spinaci crudi contengono 10 milligrammi di calcio e 8 milligrammi di magnesio. Se non sei Popeye, provate il tè di ortica per alcune delle vostre necessità nutrizionali quotidiane.

Tè al nettare per allergie

La febbre di fieno colpisce milioni di persone, e il tè di ortica è efficace nel controllare il prurito e starnuti tipicamente associati ad esso. Uno studio presso il National College of Naturopathic Medicine ha concluso che il 58% dei partecipanti che sono stati somministrati ortica congelata per il trattamento della febbre da fieno ha avuto una riduzione dei sintomi. Dato che gli anti-allenici e gli anti-allergie possono avere effetti collaterali come sonnolenza, convulsioni e bocca secca, il tè di ortica è una buona alternativa per le persone con sensibilità.

Tè di nettle per l’iperplasia prostatica benigna (BPH)

La natura diuretica del tè di ortica migliora la funzionalità renale e di conseguenza può migliorare i sintomi associati a BPH. “Migliora la frequenza, l’urgenza, il flusso urinario e può anche abbassare la globulina legante dell’ormone sessuale che influenza i livelli di testosterone”, dice il dottor Kachko. Quindi, non solo può migliorare i tuoi reni se hai BPH, potrebbe anche mettere la tua vita sessuale in pista. Secondo il libro “Campbell-Walsh Urology”, gli estratti dalle radici di ortica contengono prodotti fitoterapeutici costituiti da oli vegetali, catene di acido grasso, fitosteroli e fitoestrogeni. Questi composti hanno effetti antinfiammatori, alterano i fattori di crescita, regolano la perossidazione dei lipidi, inibiscono la 5alfa-reduttasi e proteggono la vescica oltre che i muscoli che controllano la sua funzione.

Tè di nettle per la crescita dei capelli e la cura della pelle

Non esiste una ricerca medica per dimostrare che il tè di ortica favorisce la crescita dei capelli o elimina l’acne. Tuttavia, gli erboristi lo utilizzano per la crescita dei capelli, sostenendo che la silice in ortica rafforza i capelli e le unghie e altre proprietà migliorano la circolazione e riduce la dispersione. Infatti, ci sono tonnellate di prodotti per la cura dei capelli per tonificare i capelli che contengono ortica, quindi se hai problemi con i tuoi capelli e non riesci a trovare qualcosa da aiutarlo, potrebbe valere la pena. Lo stesso vale per l’utilizzo di ortiche in skincare. Quando è incluso in un odore topico o addirittura ingerito come un tè, l’ortica può avere effetti antinfiammatori e analgesici per problemi cutanei come eczema o eruzioni cutanee. Secondo sostenitori del rimedio naturale, l’elevata quantità di clorofilla in ortica dà loro proprietà alcalinizzanti e disintossicanti, potenzialmente rendendo l’impianto efficace per il trattamento dell’acne. Il libro “Medicina Integrativa” dice che l’ortica è utile nel trattamento di orticaria o orticaria. Le foglie di Urtica dioica contengono flavonoidi – o bioflavonoidi – come il quertecin, che può lenire l’orticaria perché stabilizza le cellule degli alberi che riducono efficacemente la quantità di istamina.

In alcuni studi condotti su animali, è stato dimostrato che l’ortica a pungiglione abbassa i livelli di pressione sanguigna. Tuttavia, questo effetto non è ancora stato mostrato negli studi umani. La capacità per l’erba di abbassare la pressione sanguigna è probabile perché funziona come diuretico nel corpo, che a sua volta abbassa la pressione sistolica della pressione, Memorial Sloan-Kettering Cancer Center relazioni. Poiché l’alta pressione sanguigna è una grave condizione medica, non usare l’ortica per trattarla a meno che non sia stata prima consultata con un medico esperto.

Stinging nettle per la pressione sanguigna

Alcune ricerche preliminari riguardano l’uso del tè di ortica per il trattamento del diabete di tipo 2 e uno studio del 2011 ha rilevato che era efficace nel ridurre l’interleuchina 6 (IL-6) e la proteina c-reattiva ad alta sensibilità (hs-CRP) Nei pazienti diabetici rispetto a un gruppo di controllo dopo otto settimane di trattamento. Un altro studio ha scoperto che le ortiche hanno avuto un effetto significativo sui livelli di glucosio delle persone con diabete di tipo 2. Tuttavia, i pazienti dovrebbero notare che i ricercatori hanno studiato “l’estrazione di foglie di ortica (una capsula da 500 mg ogni 8 ore per 3 mesi) combinata con i farmaci anti-iperglicemici orali convenzionali”, quindi il tè di ortica potrebbe essere un buon trattamento complementare, diabetici.

Tè di nettle per il diabete

Un numero di 2013 di “Phytomedicine” ha scoperto che l’ortica, compresa la radice, quando viene estratta in una soluzione a base di olio, ha contribuito a ridurre l’infiammazione. È stato indicato un grande potenziale per il trattamento dell’artrite, ma è ancora necessario ulteriori studi. Le proprietà anti-infiammatorie delle ortiche di pungiglione possono infatti aiutare coloro che soffrono di artrite. Inoltre, uno studio pubblicato nel “Giornale della Royal Society of Medicine” nel giugno 2000 riporta che la foglia di ortica può ridurre il dolore osteoartrite alla base del pollice quando viene applicato all’area dolorosa.

Sebbene non siano stati effettuati studi ufficiali per quanto riguarda ancora l’effetto della ortica sulla perdita di peso, l’erba con le sue proprietà di pulizia può contribuire a spargere i chili in modo efficace eliminare il corpo di rifiuti metabolici indesiderati. La riduzione dei rifiuti immagazzinati nei tessuti muscolari e nel sistema linfatico consente al corpo di funzionare in modo più produttivo. Gillian McKeith, autore e spettacolo televisivo di “You Are What You Eat”, raccomanda nel suo libro “Slim for Life” 3 a 4 tazze al giorno di tè di ortica, in quanto “aumenta il metabolismo ed è un appetito suppressante naturale”.

Nell’ambito di uno studio sullo studio di studi sugli effetti negativi della nicotina sugli spermatozoi nei topi, i ricercatori hanno scoperto che aumentare la dose di ortica “ha significativamente aumentato la motilità, il conteggio, la morfologia normale delle cellule spermatiche, il diametro dei tubuli seminiferi e il testosterone in tutti i gruppi rispetto al controllo”. Gli estratti di nettare sono stati pubblicizzati per i bodybuilder perché sembrano avere un impatto sul livello del testosterone nel corpo. Ci sono rapporti aneddoti che l’estratto di ortica aiuta anche a ricostituire la quantità di testosterone nel corpo, che può essere drasticamente diminuito durante un allenamento body building, tuttavia queste affermazioni non sono state scientificamente verificate negli esseri umani. Per quanto riguarda i suoi effetti sulla libido, l’ortica in bocca può aiutare in casi di riduzione del sesso a causa della sua capacità di mantenere il testosterone attivo, ma non è stato scientificamente provato.

Il tè di nettle è stato pubblicizzato per le sue proprietà curative e, infatti, uno studio del 2013 ha dimostrato di avere “una potente attività antibatterica”. Comune nelle regioni più temperate lungo fiumi e laghi, l’ortica è una pianta che ha anche proprietà antifungine. Secondo “Riferimento dello scrittorio del medico sui medicinali a base di erbe”, la lignina aglutinina della nettle. In uno studio pubblicato sulla “Journal of Biological Chemistry”, la lectin agglutinina ha proprietà chitina-leganti che comportano forti funzioni antimicrobiche e lievi funzioni antibatteriche.

Quando fai un tè di ortica, secondo l’Università di Maryland Medical Center, puoi bere tre o quattro tazze al giorno, ma dovrai sempre bere acqua supplementare insieme al tè. Il foglio secco di nettle è di solito preso da 2 a 4 grammi, 3 volte al giorno. È possibile acquistare supplementi di ortica in diverse forme, tra cui foglie secche, tinture e estratti. Sono disponibili anche creme di nettare, ma sono tipicamente utilizzate per il trattamento di condizioni dermatologiche. La dose raccomandata per un supplemento di ortica dipende dal tipo di integratore che preferisci. È possibile prendere 2 g a 4 g di foglia secca fino a tre volte al giorno. Per gli estratti, il dosaggio dipende dalla provenienza dalla radice o dalla foglia. Per l’estratto di radice, prendete 1,5 ml tre o quattro volte al giorno. Per estratto di foglie, prendere 2 mL a 5 mL tre volte al giorno. Se preferisci una tintura, puoi tranquillamente prendere da 1 ml a 4 ml tre o quattro volte al giorno. Nel suo libro “Identificazione e raccolta di piante commestibili e medicinali”, Steve Brill, autori di alimenti selvatici, avverte foraggeri amatoriali che le foglie di ortica di fine stagione possono contenere composti dannosi ai reni; raccogliere foglie prima di fiorirsi. Il succo di nettle è di colore verde scuro e di solito viene consumato fresco in porzioni di 1 ounce perché il sapore è forte e la quantità di nutrienti elevata. Si può fare succo di ortica da spremere solo le foglie o le foglie e il fusto della pianta (succhiare 4 tazze di foglie di ortica per fare una mezza tazza di succo di ortica) o mescolando le foglie con acqua (combinando 2 tazze di foglie di ortica Con 1 tazza d’acqua).

Stinging tette di nettle per l’artrite

Zanne per perdita di peso

Stinging nettle e testosterone

Benefici antibatterici e antifungini del tè di nettle

Il tè di nettle è “controindicato in gravidanza”, dice il dottor Kachko. Può alterare il ciclo mestruale e può contribuire all’aborto. Il Dr. Kachko avverte che le persone con disturbi cardiaci, problemi renali o tumori mediati da ormoni dovrebbero usare cautela. “Tutto l’uso dovrebbe essere controllato e approvato da un medico”, dice. Vari studi indicano che aumentano i livelli di zucchero nel sangue e altri dimostrano che li abbassa, quindi se siete diabetici dovresti monitorare attentamente il sangue. Aggiunge, “Alcune persone possono essere allergiche alle ortiche, quindi dovrebbe iniziare con una dose molto bassa”. Come l’aspirina, l’ortica infangata può rendere più debole il sangue e ridurre la sua capacità di coagulazione, riferisce l’Università di Maryland Medical Center. Alcuni dei farmaci che possono interagire con includono i diluenti del sangue, i farmaci per l’alta pressione sanguigna, le pillole dell’acqua, i farmaci per il diabete, il litio e gli FANS.

Dosaggio e consumo di nettle

Avvolgimenti e utilizzo di nettare

Sintomi: svegliare il desiderio dello zucchero

Se il primo pensiero quando si sveglia la mattina è che hai bisogno di un po ‘di zucchero, potrebbe essere difficile mantenere livelli di zucchero nel sangue stabile. Se il vostro avere il diabete o meno, il desiderio di zucchero potrebbe indicare che il tuo corpo è basso sull’energia e vuole mangiare qualcosa di dolce il più presto possibile per ottenere la sua funzione di zucchero e funzionare meglio. Stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue può aiutare a sbarazzarsi di queste voglie di zucchero in modo che ottenere ciambelle e caffè zuccherino non sarà la tua prima priorità della giornata.

Diabete come ipoglicemia

Se avete il diabete e desiderate zucchero quando si sveglia, è importante controllare i livelli di zucchero nel sangue per vedere se sono caduti troppo bassi o inferiori a 70 mg / dL, soprattutto se si hanno altri sintomi, come sudorazione, vertigini , Scosse, confusione e debolezza. L’ipoglicemia, o bassi livelli di zucchero nel sangue, può essere il risultato di svegliarsi più tardi del solito e non mangiare la colazione al tuo tempo regolare, bevendo l’alcool la sera precedente, esercitandosi più del solito il giorno precedente o prendendo più farmaci di quanto necessario. Un episodio ipoglicemico richiede l’attenzione immediata e deve essere trattato con 4 oz. Di succo o soda; 1 cucchiaio. Di miele, sciroppo di acero o zucchero disciolto in acqua o compresse di dextrose. Consultare il medico se si riscontra uno zucchero nel sangue più basso di due volte alla settimana.

Hypoglycemia di digiuno

L’ipoglicemia di digiuno è un’altra forma di zucchero nel sangue basso, che può verificarsi nelle persone senza diabete. L’ipoglicemia di digiuno è definita come un livello di zucchero nel sangue inferiore a 50 mg / dL quando si sveglia la mattina e può essere causato da farmaci, alcool, carenze ormonali, tumori o altre malattie critiche. Ottenete un misuratore di glucosio nel farmaco per controllare i livelli di zucchero nel sangue ogni volta che si avverte una brusca zucchero al mattino per determinare se si potrebbe verificare ipoglicemia a digiuno. Consultare il medico se sospetti che questo sia un problema per te.

Abitudine dietetica

Se si avverte forte desiderio di zucchero quando si sveglia la mattina nonostante i livelli normali di zucchero nel sangue, il desiderio di qualcosa di dolce potrebbe semplicemente essere il risultato delle tue abitudini alimentari. Se scegli di solito una ricca colazione a base di carboidrati o ricchi di zuccheri, il tuo corpo potrebbe semplicemente aspettare con impazienza la sua fissazione quotidiana dello zucchero. Una dieta ad alto contenuto di zucchero e carboidrati rapidamente digeriti è associata a più voglie di dolci e di altri carboidrati.

Gestione del tuo sintomo

L’unico modo per gestire il tuo sintomo di svegliarsi con le voglie di zucchero è trovare la causa. La prova dei livelli di zucchero nel sangue aiuterà a determinare se si verifica un basso livello di zucchero nel sangue al mattino e si dovrebbe consultare il proprio medico se questo è il caso. Se i livelli di zucchero nel sangue non sono colpevoli, provare a seguire una dieta a basso contenuto di zucchero basata su carboidrati lentamente digeriti per diminuire la dipendenza dello zucchero. Ad esempio, sostituire i dolci, i dolci, i succhi di frutta, le patate bianche e gli amidi raffinati con yogurt, frutti interi, pane integrale di granoturco, pasta integrale, farina d’avena tagliata in acciaio e patate dolci. Questi carboidrati ti aiuteranno a mantenere livelli energetici migliori durante il giorno e prevenire le voglie.