Arachidi e gotta

La gotta è un tipo complesso di artrite. Consumare alimenti con concentrazioni elevate di composti purinici può esacerbare i suoi sintomi. I professionisti della salute raccomandano che i malati di gotta seguano una dieta che enfatizza gli alimenti a base di piante che contengono quantità di purine basse o moderate. Le noci, in particolare le arachidi, sono una delle migliori fonti di proteine ​​purine a basso contenuto di moderate dimensioni per persone con gotta.

Gotta

La gotta si verifica quando i cristalli dell’acido urico in eccesso si accumulano nelle articolazioni, in particolare le articolazioni delle dita, delle dita, delle ginocchia, dei gomiti e dei piedi. I cristalli dell’acido urico provocano infiammazioni e gonfiori nel tessuto all’interno dell’articolazione, causando episodi di dolore, febbre e formazione di grumi direttamente sotto la superficie della pelle. Le condizioni mediche come il cancro, la sindrome metabolica e le patologie del sangue possono causare gotta, come una predisposizione genetica, un intervento chirurgico o una dieta ad alto contenuto di trigliceridi, alcol e alimenti purini. È spesso possibile controllare i sintomi di gotta con farmaci antiinfiammatori, ma i professionisti della salute raccomanda vivamente di adottare una dieta ricca di antiossidanti, fibre, magnesio e composti purini.

Arachidi nella Gotta Dieta

Secondo la Dial-A-Dietitian Nutrition Information Society della Columbia Britannica, le arachidi e il burro di arachidi mangiati regolarmente in piccole quantità sono una buona fonte di proteine ​​per le persone con gotta poiché contengono quantità di purine basse e moderate. Purine sono composti nucleotidici come guanina, adenina e xantina, che sono componenti di base del DNA, RNA e ATP in entrambe le piante e gli animali. Nel corpo, le purine sono suddivise per produrre l’acido urico che contribuisce alla formazione di cristalli di acido urico in eccesso responsabile per i sintomi di gotta. Le arachidi contengono purine sufficienti a uguale 79 mg di acido urico per ogni 100 grammi, una quantità considerata come una concentrazione purinica da moderata a moderata. Le noci come le arachidi possono anche beneficiare di malattie della gotta poiché contengono acidi grassi che hanno proprietà antiinfiammatorie, note nutrizionista, Beth M.Ley, PH.D.

Altri cibi consigliati

Altri alimenti raccomandati che contengono livelli di purina paragonabili alle arachidi includono pollame senza pelle, pesce, fagioli secchi e legumi, farina d’avena e verdure come spinaci, cavolfiori, funghi, asparagi e piselli. È meglio consumare questi alimenti in quantità moderate – non più di 1/2 tazza di verdure e 4 a 6 once. Di carne magra ogni giorno. Anche i livelli purini inferiori, tra 0 e 50 mg di purine per ogni 100 grammi, si trovano negli alimenti come frutta, cereali integrali, uova, prodotti lattiero-caseari bassi e la maggior parte delle verdure. Oltre agli alimenti a basso contenuto di purine come le arachidi, l’Università del Maryland Medical Center consiglia alle persone con gotta di consumare alimenti ricchi di antiossidanti come ciliegie o succhi di ciliegia e cereali integrali come riso, crusca, avena e orzo. Se avete gotta, dovreste anche cucinare con grassi come olio o olio vegetale e bere almeno sei bicchieri d’acqua al giorno.

Cibi da evitare

Le persone con gotta dovrebbero limitare rigorosamente le loro assunzioni di alimenti con livelli purini di oltre 150 mg di purine formanti acido urico per ogni 100 g. Questi alimenti comprendono carni di organo come il fegato o il rene, l’oca, i molluschi come cozze o capesante, carne di selvaggina e pesci come sardine, erba, aringhe, sgombri e acciughe. I malati di gotta dovrebbero evitare alcool, tabacco, bevande gassate zuccherate, prodotti come la pasta e il pane bianco che contengono farina raffinata e prodotti da forno prefabbricati come torte, cracker, biscotti e ciambelle, che di solito hanno grandi quantità di grassi trans.